News

Investire in startup: come beneficiare delle agevolazioni fiscali

Share on LinkedIn121Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Email this to someone

 

444

 

di Francesco Grassi
Investment Analyst LVenture Group

 

Con l’emanazione del D.M. 30 gennaio 2014  il Ministero dell’economia e delle finanze ha dato attuazione agli incentivi di natura fiscale previsti per le startup innovative. 

L’incentivo si formalizza in una detrazione IRPEF del 19% o una deduzione IRES del 20% calcolata sulle somme investite, soglie che, qualora le startup siano a vocazione sociale o sviluppano e commercializzano prodotto o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico, salgono rispettivamente al 25% e 27% .

Le agevolazioni riguardano i periodi d’imposta 2013, 2014 e 2015, con un estensione in virtù dell’articolo 9, comma 16-ter, del Dl 76/2013 anche per l’anno 2016.

Volendo riassumere le tipologie di detrazioni:

DETRAZIONE TIPOLOGIA INVESTIMENTO
 

Detrazione IRPEF 19%

Investimento in startup innovative da persone fisiche per importi non superiori a 500mila euro per periodo d’imposta
 

Detrazione IRPEF 25% e deduzione IRES 27%

Investimenti in startup innovative a vocazione sociale o che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico.
 

Deduzione IRES del 20%

Investimento in denaro da società per un importo non superiore a 1,8 milioni di euro per periodo d’imposta.
Le condizioni per poter beneficiare delle agevolazioni

L’art. 5 del D.M. 30 giugno 2014 pone alcune condizioni che i soggetti investitori (beneficiari delle eventuali agevolazioni) sono tenuti a osservare per poter beneficiare delle agevolazioni fiscali in materia di investimenti in startup innovative.

È infatti indispensabile che questi soggetti recepiscano e conservino la seguente documentazione:

  • una certificazione rilasciata dalla startup innovativa attestante il rispetto del limite di € 2.500.000 per i conferimenti relativamente al periodo di imposta in cui è stato fatto l’investimento;
  • una copia del piano di investimento della startup innovativa, contenente le informazioni dettagliate sull’oggetto della propria attività, sui prodotti e sull’andamento – previsto od attuale – delle vendite e dei profitti;
  • una certificazione rilasciata dalla startup innovativa attestante l’oggetto della propria attività nel caso in cui vengano effettuati investimenti in start-up innovative a vocazione sociale o investimenti in startup innovative che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico.

Per quanto riguarda le società di capitali e gli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICV) sono previste ulteriori condizioni a cui si suggerisce di rifarsi al suddetto articolo DM 30 gennaio 2014.

Rimane inteso che detta documentazione deve essere messa a disposizione – su richiesta degli investitori- entro il termine per la presentazione della dichiarazione delle imposte sui redditi relativa al periodo di imposta in cui si intende effettuato l’investimento.
 

Compilazione modello UNICO per le prsone fisiche

Il nuovo modello Unico prevede una sezione apposita da compilare per beneficare delle agevolazioni: sezione VI (Altre detrazioni) del modello UNICO PF 2016, Rigo RP80 “Detrazioni per investimenti in startup”.

La detrazione d’imposta del caso varia in funzione della tipologia di impresa innovativa nel quale si è investito:

DETRAZIONE TIPOLOGIA INVESTIMENTO
 

Detrazione del 19% IRPEF

Investimenti in startup innovative così come definite dal comma 2 dell’art. 25 del D.L. 179/2012
 

Detrazione del 25% IRPEF

Investimenti in startup innovative a vocazione sociale o imprese ad alto valore tecnologico operanti in ambito energetico.

 

L’importo massimo detraibile in ciascun periodo d’imposta non può eccedere i 500 mila €.

L’investimento deve essere mantenuto per almeno due anni se effettuato entro il 31 dicembre 2014. Gli investimenti effettuati a decorrere dal 1° gennaio 2015 devono essere mantenuti per almeno tre anni. Nella circostanza in cui si verifichi un eventuale cessione, anche parziale, prima dei due anni, implica la decadenza del beneficio per il contribuente con consequenziale restituzione di quanto detratto maggiorato di interessi legali.

 

modello unico

Figura 1 Modello UNICO PF 2016-Rigo RP80 in materia di Startup innovativa

 

Colonne 1 (Codice fiscale) e 2 (Tipologia investimento):

  • in caso di investimento diretto, indicare il codice fiscale della startup nella quale è stato effettuato il conferimento. In questo caso indicare il codice 1 nella casella di colonna 2;
  • in caso di investimento indiretto mediante un organismo di investimento collettivo del risparmio, in colonna 1 indicare il codice fiscale di tale organismo e in colonna 2 il codice 2;
  • se l’investimento indiretto è stato effettuato mediante una società di capitali che investe prevalentemente in start-up innovative, in colonna 1 indicare il codice fiscale di detta società e in colonna 2 il codice 3;
  • i contribuenti che partecipano a società in nome collettivo o in accomandita semplice indicano in colonna 1 il codice fiscale della società che abbia loro imputato la quota detraibile per investimenti in start up e in colonna 2 il codice 4; i contribuenti che partecipano a società di persone per il tramite di società che abbiano optato per la trasparenza fiscale ai sensi dell’art. 116, indicano in colonna 1 il codice fiscale della società che abbia loro imputato la quota detraibile per investimenti in start up e in colonna 2 il codice 5. In presenza di questi due codici non vanno compilate le colonne 4 e 5, ma va unicamente indicato nella colonna 6 l’ammontare dell’importo detraibile ricevuto per trasparenza.

Colonna 3 (PMI): barrare la casella se l’investimento è stato effettuato in piccole e medie imprese (PMI) innovative;

Colonna 4: indicare l’ammontare dell’investimento nella start up. Nella colonna non va indicato alcun importo nei casi di contribuente che partecipa a società in regime di trasparenza (codici 4 e 5 in colonna 2);

Colonna 5: indicare il codice che identifica il tipo di investimento per determinare la percentuale di detrazione: ‘1’ per gli investimenti in start up innovative, per i quali è prevista la detrazione nella misura del 19 per cento; ‘2’ per gli investimenti in start up a vocazione sociale o in ambito energetico per i quali è prevista la detrazione nella misura del 25 per cento;

Colonna 6: indicare l’ammontare detraibile che risulta applicando all’importo di colonna 4 la percentuale (19% o 25%) corrispondente al codice indicato in colonna 5. Nel caso in cui nella colonna 2 sia stato indicato il codice 4 o il codice 5 (detrazione attribuita da società “trasparente”) nella colonna 6 va indicato direttamente l’ammontare dell’importo detraibile ricevuto per trasparenza

Colonna 7: indicare il totale della detrazione spettante. Se è stato compilato un solo rigo, detto importo sarà pari a quello indicato in colonna 6; se sono stati effettuati più investimenti, occorre compilare un rigo per ciascuno di essi, utilizzando più moduli. In tal caso riportare solo nella colonna 7 del primo modulo la somma degli importi indicati nelle colonne 6 di tutti i moduli compilati e indicare il numero modulo nell’apposito spazio in alto a destra. L’importo indicato in questa colonna va riportato nel rigo RN21, colonna 1.

 

Compilazione modello UNICO per le società di capitali

Per essere fruibili le deduzioni devono essere indicate nell’apposita sezione – Righi RS160-RS176 “Investimenti in startup innovative”- del modello UNICO SC 2016

La detrazione d’imposta del caso varia in funzione della tipologia di impresa innovativa nel quale si è investito:

DETRAZIONE TIPOLOGIA INVESTIMENTO
 

Deduzione del 20% IRES

Investimento in startup innovative da società per un importo non superiore a 1,8 milioni di euro per periodo d’imposta.
 

Deduzione del 27% IRES

Investimenti in startup innovative a vocazione sociale o imprese ad alto valore tecnologico operanti in ambito energetico.

I soggetti passivi dell’IRES possono dedurre dal proprio reddito complessivo un importo pari al 20% dei conferimenti rilevanti effettuati, per un importo non superiore a euro 1.800.000, per ciascun periodo d’imposta.

Nel caso di investimenti nelle startup a vocazione sociale, nonché per gli investimenti in startup innovative che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico, la deduzione è aumentata al 27%.

 

unico società di capitali

Figura 2 Modello UNICO SC  2016-Rigo RS160-RS176 in materia di Startup innovativa

 

Per la compilazione del modello per società di capitali per beneficiare delle agevolazioni previste per investimenti in startup innovative si invita a fare riferimento al documento Istruzioni alla compilazione Unico SC 2016 pag. 174-176

FILE UTILI

Testo del decreto startupDM 30 gennaio 2014, attuativo delle agevolazioni fiscali riconosciute dall’art.29 del Decreto Crescita 2.0. Qui la Gazzetta Ufficiale

Modello Unico Società di capitali 2016 (Rif. pag. 174-176)

Istruzioni compilazioni Modello Unico Società di capitali 2016

Modello Unico Persone fisiche 2016 (Rif. pag. 69-70)

Istruzioni compilazione Modello Unico Persone fisiche 2016

 

 

Share on LinkedIn121Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Email this to someone